La Gnosi – Kurt Rudolph

La grande importanza della gnosi per la storia delle religioni della tarda antichità è oggi indiscussa.

Le sue radici sono da ricercare nella dottrina sapienziale giudaica, nelle concezioni religiose iranico-zoroastriane e nel pensiero greco illuministico, ma sulle sue origini, così come sulla sua scomparsa, sono possibili soltanto ipotesi, perchè non vi sono fonti che consentano di risolvere il problema una volta per tutte.

Apparsa all’incirca all’inizio dell’era volgare, la gnosi scompare al più tardi nel sesto secolo, almeno per quanto riguarda la sua forma occidentale.

Si può quasi affermare che la gnosi abbia seguito la grande chiesa come un’ombra: questa non riuscì mai a dominare completamente quella, perchè ne era troppo influenzata.

Nel corso della loro comune storia esse rimangono sorelle, due sorelle tra loro ostili.

Merito del saggio di Kurt Rudolph – da tempo considerato l’opera di riferimento sull’argomento – è di delineare un quadro articolato, preciso e insieme oltremodo chiaro e ordinato di un fenomeno per molti versi intricato e sfuggente, che non riguarda soltanto il cristianesimo, e la cui presenza si fa sentire ben al di là della sua concreta esistenza storica, fin in età moderna e contemporanea.

Kurt Rudolph, dopo aver insegnato alle Università di Lipsia e di Santa Barbara in California, dal 1986 è ordinario di Storia delle religioni all’Università di Marburg.

Precedente The Truman Show Successivo N.A.C.L.V. - Innominato

Lascia un commento